Manifesto

Home/Manifesto

Una rete di content producer al servizio dell’informazione di qualità

Scrivere per il piacere di farlo, creare contenuti editoriali e storie di qualità, e guadagnare dalla propria passione. Nell’era dell’informazione digitale è ancora possibile?

Entrare in contatto con una fonte autorevole che pubblichi articoli non intermediati, e che retribuisca adeguatamente gli autori sono, oggi, tra i maggiori ostacoli che tanti blogger e giornalisti 2.0 si trovano ad affrontare.

La rivoluzione digitale, si sa, ha trasformato radicalmente il modo di comunicare e “fare comunicazione”: attraverso le infinite possibilità della rete, la produzione di notizie, che prima era sfera esclusiva di gruppo di professionisti, oggi si è aperta a due miliardi di nuovi attori-cittadini del mondo, a loro agio con le tecnologie e con i social network.

Ma è proprio in un sistema inondato dall’informazione che editori, giornali e i brand più autorevoli sono chiamati a puntare tutto sulla qualità e distinguersi per la produzione di contenuti di valore che coinvolgano professionalità e competenze sempre più complesse e differenziate.

Immaginate, dunque, una “piazza virtuale” in cui i professionisti della comunicazione – voi? – interloquiscono direttamente coi committenti: i primi scrivono i contenuti editoriali in linea col proprio background, i secondi li trovano, li acquistano e li pubblicano.

Questo sistema lo abbiamo concepito, progettato e implementato, e oggi si chiama DaoNews: una piattaforma di riferimento per giornalisti, blogger e copywriter che vogliono farsi conoscere e vendere i propri articoli alla rete di editori, brand e istituzioni che ogni giorno si affaccia sui canali Dao alla ricerca di contenuti per le proprie campagne.

Unendo esperienze e professionalità nell’ambito del giornalismo e della comunicazione, nel 2012 DaoNews fa irruzione nel mondo dell’editoria digitale con l’obiettivo di fornire, ai suoi vecchi e nuovi protagonisti, una soluzione innovativa per restituire valore e dignità al proprio lavoro, facendo dell’informazione di qualità una bandiera.